ANAI : Forum di discussione della Sezione Lombardia
  • Facebook: anaipuglia

Iscrizioni ANAI 2018

Avviata la campagna soci 2018, l'iniziativa volta a raccogliere adesioni per coinvolgere all'interno dell'associazione tutte le professionalità ed i sostenitori legati al mondo degli archivi.

Collabora con noi . . .

Raccogliamo indicazioni, suggerimenti, idee e proposte di collaborazione per dar vita ad iniziative e progetti tematici al fine di offrire a tutti gli interessati al mondo degli archivi attività di supporto e formative.

ARCHIVIANDO forum italiano di archivistica e degli archivisti

Gestito dalla sezione Lombardia dell'ANAI Associazione Nazionale Archivistica Italiana
  • Programmi, progetti e attività • Re: Nasce il portale degli archivi della scienza italiani
    Ecco il programma degli interventi:
    *

    Statistiche: Inviato da Sergio P. Del Bello — 17/02/2019, 17:18


  • Segnalazioni agenzie formative • IBC Regione Emilia Romagna
    IBC Regione Emilia Romagna

    IBC archivi è un'iniziativa dell'Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna, sviluppata dal servizio di Soprintendenza per i beni librari e documentari, e finalizzata alla creazione, gestione e pubblicazione in rete di risorse informative relative agli archivi storici emiliano-romagnoli e agli istituti ed enti che li conservano.
    *
    imago256.JPG
    Le attività
    ParER svolge a favore degli enti le seguenti attività:

    - conservazione, archiviazione e gestione dei documenti informatici
    - accesso via web ai contenuti digitali in conservazione
    - supporto, formazione e consulenza sulle tematiche della conservazione digitale.

    Statistiche: Inviato da Sergio P. Del Bello — 17/02/2019, 16:48


  • Formazione e aggiornamento • Emilia Rogna IBC: corso descrizione archivistica
    IBC Archivi: al via un corso

    L’IBC Emilia-Romagna organizza un corso gratuito sulla descrizione archivistica nel sistema informativo regionale. Iscrizioni aperte fino al 24 febbraio

    L’Istituto per i beni artistici culturali e naturali dell’Emilia-Romagna organizza un corso sulla descrizione archivistica nel Sistema informativo regionale IBC Archivi. Il corso è gratuito e prioritariamente indirizzato a quanti risiedono e svolgono l’attività archivistica sul territorio emiliano-romagnolo.

    La didattica si articolerà in incontri teorici ed esercitazioni pratiche svolte sulla piattaforma regionale di back-office IBC-xDams.

    Gli incontri teorici verteranno su:

    standard internazionali per la descrizione archivistica
    informatica applicata agli archivi storici
    sistema informativo regionale IBC Archivi e fruizione delle risorse sul web.
    Le esercitazioni pratiche (20 ore circa in aula informatica) sono riservate agli archivisti in possesso del Diploma rilasciato da una Scuola di archivistica paleografia e diplomatica di Archivio di Stato (o titolo equipollente), ...
    Le lezioni teoriche saranno articolate in due moduli equivalenti, svolti nell’ambito delle Scuole di archivistica paleografia e diplomatica degli Archivi di Stato di Parma e Bologna. Il modulo parmense si svolgerà il 6, 13, 20 e 27 marzo. Il modulo bolognese si svolgerà il 6 e 7 maggio.
    ...

    Statistiche: Inviato da Sergio P. Del Bello — 17/02/2019, 16:41


  • Programmi, progetti e attività • Re: RAI: programma Archivi Miniere di Storia
    Meteoweb, A cura di Filomena Fotia 17 Febbraio 2019

    TV, Rai Storia: Bologna protagonista di “Archivi. Miniere di Storia”

    Una memoria storica viva, fonte continua di scoperte e miniera di vicende inedite, al centro del nuovo episodio della serie "Archivi. Miniere di Storia"
    *
    imago255.JPG
    Bologna è la sede della più antica Università europea. Lo Studio risale all’Undicesimo secolo e così i più antichi documenti conservati nell’ex Convento dei Monaci Celestini, oggi sede dell’Archivio di Stato, nel cuore della città, a poche decine di metri dalla cornice di Piazza Maggiore. Nei 34 chilometri lineari di scaffali, gli studiosi possono trovare le testimonianze della storia cittadina lungo il corso di dieci secoli. Una memoria storica viva, fonte continua di scoperte e miniera di vicende inedite, al centro del nuovo episodio della serie “Archivi. Miniere di Storia” in onda lunedì 18 febbraio alle 21.40 su Rai Storia. Marco Mondini entra nell’Archivio bolognese per fare un percorso tra alcuni dei suoi documenti più preziosi; il Direttore Elisabetta Arioti e il Vicedirettore Massimo Giansante parlano dei fascicoli dei sovversivi, documenti della questura tra Otto e Novecento, del primo libro sulla liberazione dalla schiavitù nel tredicesimo secolo, il Liber Paradisus, e di una delle feste barocche più popolari, la festa della porchetta. Con lo storico Andrea Baravelli, infine, obiettivo sugli anni bui delle persecuzioni fasciste e sulla storia dell’attentato di Anteo Zamboni a Mussolini nel 1926.

    Statistiche: Inviato da Sergio P. Del Bello — 17/02/2019, 16:35


  • News ultima ora • Re: Toscana: finanziamenti per biblioteche e archivi
    MaremmaNews, 01/02/2019

    Musei, archivi e biblioteche: 2 milioni e 200mila euro per il 2019

    Ammontano a 2 milioni e 200mila euro i finanziamenti che per il 2019 saranno destinati a musei, reti di biblioteche e archivi in Toscana. Come già successo nel 2018, anche per quest'anno è stato attivato un contributo ordinario attraverso un sistema semplificato introdotto dalla giunta regionale che garantirà la qualità dei servizi offerti da queste istituzioni culturali e una maggiore continuità. I 2,2 milioni di euro di risorse regionali appena stanziati saranno ripartiti tra le 12 reti documentarie di biblioteche e archivi (1 ,2 milioni di euro) e i musei di rilevanza regionale (1 milione di euro).

    Accreditati in base ai requisti previsti dalla normativa regionale, i soggetti destinatari delle risorse saranno valutati tenendo conto di criteri che fanno riferimento alla dimensione e alla qualità dei servizi offerti come sistema. Potendo contare su un sostegno finanziario più stabile nel tempo, i destinatari saranno in grado di ampliare le loro proposte e renderle stabili in modo sa assicurare servizi più duraturi. Per esempio, tra i criteri di valutazione per i musei ci sono le dotazioni fisse e le strutture per attività didattiche, di documentazione e studio, i servizi di accoglienza, le aperture al pubblico, il numero di visitatori per metro quadrato di superficie, le attività educative o le visite guidate, fino al numero di utenti per tipologia di attività.

    Tra i criteri di valutazione per le reti documentarie invece, ce ne sono 2 che riguardano la dimensione della rete (il numero di istituti aderenti alla rete e loro accessibilità rispetto ai disabili motori, sensoriali e intellettivi-cognitivi), altri 6 che valutano complessivamente i servizi bibliotecari (prestiti interbibliotecari, spesa per acquisto di materiale bibliografico, ore medie settimanali di apertura) e l'entità ed accessibilità del patrimonio bibliografico complessivo della rete, in relazione anche al patrimonio catalogato e digitalizzato, mentre un criterio riguarda esclusivamente gli istituti archivistici delle reti.
    ...

    Statistiche: Inviato da Sergio P. Del Bello — 17/02/2019, 0:03